rotate-mobile
Cronaca

Scoperta di primaria importanza: individuata la proteina che nutre i tumori

La ricerca che ha coinvolto studiosi di tutto il mondo è stata condotta anche dal “nostro” William Vermi, professore associato dell'Università degli studi di Brescia

“I macrofagi si possono riprogrammare quando interferiscono con il micro-ambiente che si crea quando le cellule sane diventano tumorali – spiegano i ricercatori – Siamo riusciti a dimostrare come nei topi la crescita di carcinoma si sia ridotta in assenza della proteina Erk-5 (una particolare proteina della stessa "famiglia" della Erk3, ndr) mentre contemporeaneamente si sia creata una situazione infiammatoria anti-tumorale”.

Da qui la possibilità di andare a “colpire” i macrofagi con apposita terapia mirata a “sopprimere” la proteina in questione. Facendo così si potrebbero bloccare le “cellule spazzino” che in caso di “riprogrammazione” diventerebbero le migliori alleate dello sviluppo del tumore.

Lo studio apre a “nuove speranze”, scrivono dall'Università di Siena. Nei prossimi mesi vedremo cosa succederà. La ricerca ha coinvolto numerosi studiosi, e ha avuto anche il supporto di Marie Curie Research Fellowship, Worldwide Cancer Research, Cancer Research Uk, Fondazione Beretta, Associazione Ig Grant per la ricerca sul cancro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperta di primaria importanza: individuata la proteina che nutre i tumori

BresciaToday è in caricamento