Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Dalla Valsabbia alla città, un giro di prostituzione da 300mila euro all'anno

Il blitz dei Carabinieri di Vobarno e Salò per sgominare una rete di prostituzione cinese gestita da una coppia orientale con la collaborazione di un complice italiano. Ricevevano in appartamento, da Vobarno a Poncarale

Tutto ruotava intorno a Vobarno. Un giro d’affari da oltre 300mila euro all'anno, e che coinvolgeva decine di ragazze cinesi costrette a prostituirsi, spesso in Italia senza regolare permesso di soggiorno. A capo dell’organizzazione poi smascherata dai Carabinieri una coppia di cinesi, uomo e donna, a cui si aggiunge un complice tutto bresciano.

Clientela molto variegata, in appartamenti che oltre alla Valsabbia (non solo Vobarno ma anche Prevalle) risalivano lungo il lago, fino a Gardone Riviera, per poi scendere a Soiano, raggiungere e superare Brescia (al Quartiere Primo Maggio), arrivare fino a Poncarale.

Indagini cominciate da un minuzioso setaccio di riviste di ‘settore’ e di siti web. Dove era facile trovare proposte di massaggi a pagamento, in realtà prestazioni sessuali. Toccava a donne anche di età compresa tra i 30 e i 40 anni, magari con un passato fatto di fatica e di lavoro, offrire il proprio corpo ad avvocati e professionisti, operai e professori. Da tutta la provincia.

I primi arresti lo scorso luglio, proprio a Vobarno. Quando i Carabinieri fermarono due prostitute, una maitresse e un altro cinese, conosciuto nel campo come Giulio. Ci sono poi voluti mesi di controlli e pedinamenti, prima di raggiungere la punta di una vasta piramide di sfruttamento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Valsabbia alla città, un giro di prostituzione da 300mila euro all'anno

BresciaToday è in caricamento