Sesso in casa di riposo: pur di soddisfare l'anziano si finge sua nipote

Un piano "ingegnoso" quello messo a punto da un anziano degente di Rsa bresciana e da una prostituta rumena, che è stato scoperto dalla Questura di Bergamo al termine di un anno d'indagini.

Ai 'piaceri' del sesso a pagamento non voleva proprio rinunciare, così ha messo a punto uno stratagemma per far entrare una prostituta rumena nella casa di riposo che lo ospita. Per non destare sospetti la donna si è finta la nipote dell’arzillo anziano, si è introdotta nella Rsa e ha fatto ciò per cui era stata pagata. Si erano messi d’accordo su tutto, anche sul prezzo.

A scoprire l’episodio la Polizia di Bergamo, al termine di una lunga indagine sulla prostituzione a domicilio nel bergamasco. Dall’inchiesta è emerso che il giro era più ampio, come testimonia il caso dell’arzillo degente di una rsa bresciana.

L´associazione a delinquere era composta da cinque romeni. Le ragazze venivano scelte in Romania e poi portate in Italia in uno dei 7 appartamenti che l’organizzazione gestiva a Bergamo. Prima di diventare operative venivano sottoposte ad un rapporto sessuale di gruppo con tutti gli altri componenti della banda. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento