menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prostituzione: per Rolfi la proposta è la creazione di un "Eros Center"

"Eros Center" questa la proposta del vicensindaco di Brescia Fabio Rolfi per regolamentare la prostituzione. Lo ha dichiarato a margine di una conferenza stampa proprio sul tema della lotta alla prostituzione

Come regolamentare la prostituzione nelle realtà locali con una legge ormai obsoleta di mezzo secolo fa? Una proposta arriva dal vicesindaco di Brescia Fabio Rolfi che a margine di una conferenza stampa tenutasi a Palazzo La Loggia sul contrasto alla prostituzione da parte della polizia locale ha tirato di nuovo in ballo la realizzazione degli Eros Center.

"Credo che sia una proposta sulla quale ricominciare a discutere, quantomeno non si può fare finta di nulla - ha detto Rolfi - è necessaria una nuova legge non si può andare avanti così, con la fantasia degli enti locali, per contrastare un fenomeno che è normato oggi con una legge della metà del secolo scorso. È un mondo completamente differente, serve un'assunzione di responsabilità da parte del legislatore, e attendiamo i fatti e spero che ci siano fatti concreti perchè è evidente che occorre coniugare l'esigenza di governare un fenomeno che c'è da sempre con l'esigenza di vivibilità delle città. Questo lo si può fare solo con la normativa".

Il vicesindaco e assessore alla sicurezza ha messo in evidenza le carenze dei poteri dei comuni per far fronte al fenomeno: "Gli enti locali stanno studiando varie iniziative, a volte efficaci, a volte no. Stanno spremendo la loro fantasia. Lo fanno non perchè vogliono assumersi una responsabilità in più, ma perchè devono rispondere a un'esigenza di vivibilità delle città, che la gente pone con evidenza. È necessario però che quest'azione suppletiva giunga a un termine, che ci sia un'azione da chi compete ciò, lo Stato, di fare una legge moderna".

Tra le iniziative del comune di Brescia per il contrasto alla prostituzione anche una serie di strumenti fiscali, attraverso il controllo d'immobili e di veicoli di lusso, utilizzati, questi ultimi, dai clienti.

Il bilancio dell'attività, svolta dalla Polizia Locale, per quanto riguarda il primo semestre del 2011, è di 171 prostitute identificate dagli agenti della Polizia locale di Brescia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento