menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d’archivio

Foto d’archivio

Accoglienza profughi, imprenditore nei guai: guadagnava 7.000 euro al giorno

Blitz dei carabinieri in una quarantina di strutture in particolare nella Bassa Bresciana: nel mirino degli inquirenti gli alloggi e i locali riconducibili all'imprenditore Angelo Scaroni, di Montichiari

Scoppia il caso-profughi anche nel Bresciano: l'ipotesi di reato (anche se al momento nessuno risulta iscritto nel registro degli indagati) è di truffa ai danni dello Stato. Blitz dei carabinieri solo poche ore fa: i militari hanno passato al setaccio una quarantina di strutture, in particolare nella Bassa, e tutte riconducibili all'imprenditore Angelo Scaroni, 43 anni di Montichiari. Lo scrive il Giornale di Brescia.

Il nome di Scaroni torna alla ribalta delle cronache dopo soli pochi giorni. La settimana scorsa infatti una cinquantina di profughi erano stati ospitati per una sola notte all'ex resort di lusso Borgo Machetto, finito all'asta dopo un fallimento e che risulterebbe appunto di proprietà dell'Agriscar, di proprietà di Scaroni.

Nel mirino degli inquirenti ci sarebbero alcune modalità di gestione dell'emergenza migranti non troppo trasparenti. Tanto che si ipotizzerebbe addirittura la truffa ai danni dello Stato. In particolare, ai bandi pubblici per la gestione dei richiedenti asilo (e per ricevere poi i 35 anni euro al giorno di cui solo 2 vanno ai profughi: gli altri 33 alla struttura) sarebbero state fatte partecipare anche strutture inesistenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    Giornate FAI di Primavera 15 e 16 maggio 2021

  • Concerti

    Brescia: Omar Pedrini alla Latteria Molloy

  • Attualità

    Brescia vince il premio "Città italiana dei giovani 2021"

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento