Cronaca

Oltre cento bancomat clonati, arrestata banda di sei persone

Gli arresti sono il risultato dell'operazione 'Ip clony', coordinata dal procuratore aggiunto Sandro Raimondi della Procura di Brescia, a cui hanno partecipato anche la Guardia di finanza e la Polizia provinciale

Avevano sviluppato un nuovo software che permetteva di clonare anche bancomat e carte di credito con microchip, che contiene un ulteriore codice da decriptare. Sono sei i rumeni arrestati in flagranza, in tempi e luoghi diversi, dalla Polizia postale di Mantova; altrettante le persone denunciate.

L'organizzazione criminale agiva nelle province di Mantova, Brescia e Verona e colpiva soprattutto gli sportelli bancomat dell'istituto Monte dei Paschi di Siena, ma nel mirino sono finiti anche ATM di Ubi Banca e Unicredit.

Oltre 100 le carte clonate, 25 solo negli ultimi tre mesi. Si stima che la clonazione dei codici abbia fruttato alla banda quasi 100 mila euro. Le forze dell'ordine hanno scovato un laboratorio per la clonazione a Pastrengo, nel veronese, dove hanno trovato e sequestrato 8 mila euro in contanti, materiale informatico e per la manomissione degli sportelli bancomat.

Sequestrati anche i conti correnti usati dagli arrestati, che si trovano in carcere a Mantova e Verona con le accuse di frode informatica, accesso abusivo a sistemi informatici, intercettazione di dati informatici, utilizzo di cloni di carte di credito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre cento bancomat clonati, arrestata banda di sei persone

BresciaToday è in caricamento