menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Fatture false per milioni di euro: a processo imprenditori e dirigenti d'azienda

Sono otto i rinvii a giudizio per imprenditori e dirigenti d'azienda: fatture false per milioni di euro a margine del crac della Stefana di Nave

Imprenditori e dirigenti d'azienda a processo dopo il crac della Stefana: l'azienda, che produceva acciaio a Nave, ha chiuso i battenti con debiti per oltre 130 milioni di euro. In tutto sono otto le persone rinviate a giudizio: l'udienza è fissata per la prossima primavera.

Tra questi alcuni dirigenti della fabbrica di Nave: Giacomo Ghidini, ex presidente, e gli ex consiglieri Giulio e Quinto Stefana, e ancora Giampietro e Pieralberto Ghidini. Insieme a loro saranno rinviati a giudizio anche Diego e Matteo Gregorini, e Annamaria Basile, legali rappresentati di altre tre aziende.

Gli imputati sono accusati a vario di titolo di insolvenza fraudolenta, false informazioni, omesso pagamento dei contributi, false fatture. In particolare, secondo l'accusa, si sospetta un giro di fatture false da oltre 2 milioni di euro. Le indagini sono scattate nel 2015, a seguito della denuncia di due imprenditori di Corte Franca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento