Cronaca Cimbergo

Truffa alla UE da 300mila euro: nei guai ex sindaco bresciano

Ci sono anche l’ex sindaco di Cimbergo Gian Bettino Polonioli e il suo ex assessore Pier Danilo Ricaldi tra gli indagati per la truffa degli “alpeggi fantasma”

Si avvicina alla sua conclusione giudiziaria la vicenda degli “alpeggi fantasma” della Valle Camonica: una truffa che, secondo l’accusa, avrebbe permesso di ottenere oltre 300mila euro di contributi comunitari (quindi dell’Unione Europea) non dovuti. I soldi dovevano essere erogati a supporto degli imprenditori agricoli che mantenevano allevamenti in montagna.

E invece i pascoli in questione, a Cimbergo e Paspardo, altro non erano che boschi o terreni spesso inaccessibili, senza che vi fosse un solo animale. Da qui gli accertamenti dei carabinieri forestali di Breno che hanno permesso di individuare almeno sette indagati: 4 saranno rinviati a giudizio e 3 hanno chiesto il rito abbreviato.

Tra questi anche l’ex sindaco di Cimbergo Gian Bettino Polonioli e il suo assessore Pier Danilo Ricaldi: sarà processato con rito abbreviato anche Matteo Barcella, residente nel Milanese. Sono stati invece rinviati a giudizio gli imprenditori agricoli Gianmario, Jennifer e Jessica Bana, e Mirco Dagnoni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa alla UE da 300mila euro: nei guai ex sindaco bresciano

BresciaToday è in caricamento