Allevamento Green Hill: sale l'attesa per l'esito del processo

Chiesta la condanna per i 4 imputati, accusati di maltrattamento e uccisione di animali

Sarà emessa nella mattinata di venerdì 23 gennaio la sentenza del processo a Green Hill, l'allevamento di cani per la vivisezione sotto accusa con le imputazioni di maltrattamenti e uccisioni di animali: l’udienza presso il Tribunale di Brescia avrà inizio alle ore 9.

Nel corso della sua requisitoria (12 gennaio scorso)  il Pubblico Ministero, Ambrogio Cassiani, ha chiesto, per i capi di imputazione del processo, 3 anni e 6 mesi per il veterinario Graziosi, 3 anni per Rondot (co-gestore della società), 2 anni per Bravi (Direttore di Green Hill) e Gotti (co-gestore).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una richiesta sostenuta dall’Avvocato Carla Campanaro per la LAV, parte civile nel procedimento giudiziario, che ha definito quello a Green Hill un processo innovativo, perché è per il rispetto del principio della legalità anche nella vivisezione: "Non è vero  si può fare tutto, l'etologia animale va rispettata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Auto precipita per decine di metri, morto il medico Giorgio De Thierry

Torna su
BresciaToday è in caricamento