Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

I cittadini lamentano una situazione particolarmente complicata, genitori e commercianti preoccupati per l'immagine del paese

Tutto avviene (quasi) alla luce del sole, con i clienti che addirittura talvolta chiedono le indicazioni per raggiungere gli appartamenti a luci rosse. Succede a Desenzano, lo racconta in un servizio il quotidiano Bresciaoggi in edicola stamane, che ha raccolto le testimonianze non solo di cittadini e commercianti, ma anche delle professioniste del sesso che lavorano in paese: si stima ve ne siano addirittura 200. 

Il "censimento" è più semplice di quel si pensi, e si basa sui dati reperibili sulla piattaforma specializzata Escort Advisor. Gli appartamenti dove esercitano le professioniste, perlopiù provenienti dall'Est Europa, sono disseminati su tutto il territorio desenzanese, e in particolar modo nel quartiere Capolaterra. Proprio da questo quartiere arrivano alcune delle testimonianze riportate dal quotidiano: «Non ne possiamo più, nessuno ne parla ma la situazione di degrado del nostro quartiere è sotto gli occhi di tutti da sempre e adesso siamo al limite. Assistiamo ogni giorno a scene assurde e siamo costretti a crescere i nostri figli in un contesto del genere». Il problema non si presenta solo di notte, anzi, come spiega un commerciante: «In passato il degrado caratterizzava solo le ore notturne, adesso invece esiste già nelle prime ore del pomeriggio quando i clienti, non sapendo esattamente in quale abitazione troveranno il servizio, ci chiedono sfacciatamente informazioni, entrando nei nostri negozi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si lamentano però solo i cittadini, ma anche le squillo, che denunciano un caro-affitti che le penalizza, e una situazione non certo semplice: «Non viviamo tutte la stessa situazione, il periodo del lockdown e la paura del virus ci ha danneggiate parecchio. C'è chi arriva a guadagnare anche 5mila euro in una settimana ma non è facile, paghiamo per due stanze 750 euro di affitto a settimana, nessuno ci fa un regolare contratto e chi ha figli piccoli deve ingaggiare la baby-sitter nelle ore serali che accudisce i piccoli nei sottoscala». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Il Dpcm Coronavirus è stato firmato: tutte le nuove regole valide fino al 13 novembre

  • Nel Bresciano 35 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

  • Brescia: è morto il papà di Francesco Renga, aveva 91 anni

  • Covid, nuova ordinanza della Regione per locali, sport, Rsa e scuole: cosa cambia

  • Nuove restrizioni in Lombardia: stop allo sport amatoriale, lezioni a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento