rotate-mobile
Cronaca Prevalle

Orrore fuori dall'azienda: aspetta l'uscita del collega e lo accoltella alla gola

Tentato omicidio in pieno giorno

Tentato omicidio, in pieno giorno, non lontano dal campo sportivo di Prevalle: è successo martedì intorno alle 12.30, quando un operaio 21enne originario del Burkina Faso ha aggredito un connazionale (e circa coetaneo) fuori da una fabbrica, probabilmente a seguito di una discussione scatenatasi per futili motivi, per qualcosa successo tra loro sul posto di lavoro. L'aggressore, che abita a Roè Volciano, è stato rintracciato dopo alcune ore dai carabinieri della stazione di Nuvolento, arrestato con l'accusa di tentato omicidio e già trasferito in carcere a Brescia.

Armato con un coltello di 30 centimetri

Per gli inquirenti tra i due ci sarebbe già stato uno screzio, qualche giorno fa. E per questo motivo che il 21enne arrestato, stavolta, avrebbe atteso il collega (residente a Gavardo) all'uscita dal lavoro, ma armato. Con sé aveva infatti un coltello con una lama di 30 centimetri, con cui avrebbe aggredito l'altro ragazzo, che però in qualche modo è riuscito a divincolarsi e a evitare il peggio. E' stato ferito al collo e immediatamente soccorso dall'ambulanza, trasportato in ospedale e poi dimesso con una prognosi di 10 giorni, avendo riportato un taglio fortunatamente superficiale.

L'aggressore come detto si è dato alla fuga, ma è stato successivamente rintracciato mentre stava tornando a casa: i militari hanno infine recuperato l'arma del delitto, che era stata lanciata al di là di una siepe, poco distante dal luogo dei fatti. Per la Procura non ci sarebbero dubbi sul tentato omicidio: il 21enne avrebbe agito con l'intento di uccidere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orrore fuori dall'azienda: aspetta l'uscita del collega e lo accoltella alla gola

BresciaToday è in caricamento