rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Preseglie

Litiga col vicino, lo fa cadere e lui muore: condannata per omicidio

Arrivata la sentenza definitiva: Graziella Zani dovrà scontare la pena di quattro anni, cinque mesi e dieci giorni di carcere

Il giudizio definitivo è arrivato: è di 4 anni, 5 mesi e 10 giorni la pena che dovrà scontare Graziella Zani, la donna accusata di essere la responsabile della morte di Fulvio Ferremi, pensionato di Preseglie deceduto il 9 novembre del 2015 all'età di 71 anni.

In seguito a una lite con Zani, il 71enne fu vittima di una brutta caduta e di un'emorragia che – qualche giorno dopo – non gli lascerà scampo, morendo a 9 giorni dall'incidente in un letto d'ospedale. Zani è stata condannata per omicidio preterintenzionale: il verdetto è diventato definitivo lo scorso venerdì.

L’inchiesta venne aperta il 31 ottobre 2015 e non fu mai archiviata per opposizione degli eredi della vittima; ora, a rendere definitiva la sentenza ci hanno pensato i giudici della Corte di Cassazione. Resta da valutare la proposta dell’avvocato difensore,  che – tenuto conto dell’età e delle condizioni di salute – chiede che Zani possa scontare la pena ai domiciliari.

Il processo continuerà il prossimo 26 novembre: alla sbarra, stavolta, ci saranno la figlia e il genero della donna. I due dovranno rispondere di falsa testimonianza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litiga col vicino, lo fa cadere e lui muore: condannata per omicidio

BresciaToday è in caricamento