Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Recuperate oltre 250 stufe a Pellet rubate a Marzo

Le stufe, rubate alla Mcz di Fontanafredda, sono state recuperate grazie alle indagini congiunte dei carabinieri di Sacile, Fontanafredda, Pastrengo e Artogne

I Carabinieri della Compagnia di Sacile hanno risolto l'eclatante caso del furto di 256 stufe a pellet, avvenuto nella notte tra il 22 e 23 marzo scorso nei magazzini della ditta Mcz di Fontanafredda (Pordenone).

In quell'occasione - ha spiegato il comandante, capitano Pierluigi Grosseto - i ladri, dopo aver disattivato i sistemi di allarme di uno dei magazzini dell'azienda, si erano appropriati delle stufe, successivamente caricate su alcuni camion.

Nonostante l'iniziale mancanza di elementi, tracce o indizi, i militari dell'Arma, prendendo spunto dalla visione delle telecamere di videosorveglianza del territorio attiguo a quello dov'é avvenuto il furto, sono riusciti a individuare prima i mezzi utilizzati per il trasporto e quindi la zona di provenienza e il percorso effettuato per la fuga.


Pochi giorni più tardi, il 29 marzo, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Sacile, assieme ai colleghi della stazione di Fontanafredda, di Pastrengo (Verona) e Artogne (Brescia), hanno individuato nella località veneta il capannone dov'erano state stivate 210 delle stufe, recuperando refurtiva per un valore di circa 250 mila euro, già restituita ai proprietari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recuperate oltre 250 stufe a Pellet rubate a Marzo

BresciaToday è in caricamento