Pontoglio, i cartelli della discordia potrebbero avere i giorni contati

I cinque cartelli posti all’ingresso dell’abitato di Pontoglio continuano a far discutere. Secondo il deputato Pd Luigi Lacquaniti il Prefetto di Brescia avrebbe già scritto al sindaco chiedendo di rimuoverli

Fonte: Facebook

Cartelli in ingresso a Pontoglio: la pressione nei confronti del sindaco Alessandro Seghezzi si fa sempre più pesante. L’ultimo aggiornamento sull’ormai popolarissima vicenda, finita in molte trasmissioni televisive, e anche sulla stampa estera, riguarda il deputato del Partito Democratico Luigi Lacquaniti, firmatario assieme ad altri 16 parlamentari di una interpellanza presentata al Ministero dell’Interno. 

A seguito dell’interpellanza, ieri Lacquaniti ha incontrato il Prefetto di Brescia Valerio Valenti e, a margine dell’incontro, ha rivolto alla stampa una nota secondo la quale la rimozione dei tanto discussi cartelli potrebbe avvenire a breve. “Il Prefetto ci ha informato che la questione presenta due aspetti rilevanti: uno di natura penale ed uno di natura burocratica procedurale. Sotto l’aspetto penale la Digos è stata investita della questione, ha già effettuato i rilievi di sua competenza sul campo in merito ai contenuti dei cartelli contestati, ed ha trasmesso il fascicolo alla magistratura che valuterà in piena autonomia le azioni di sua competenza. Sotto l’aspetto procedurale - continua la nota emessa da Laquaniti - il Prefetto, documentazione alla mano che ci è stata mostrata, ha rilevato come i cartelli non siano per nulla conformi al codice della strada e che quindi vadano rimossi. Il Prefetto stesso ha già scritto in tal senso al Sindaco, e in mancanza subentrerà direttamente il Ministero, sia intimando al Sindaco di procedere alla rimozione, sia eventualmente provvedendo direttamente”.

Vedremo nei prossimi giorni le intenzioni del sindaco. Ricordiamo che il Comune per il posizionamento dei cinque cartelli (Paese a cultura occidentale e di profonda tradizione Cristiana. Chi non intende rispettare la cultura e le tradizioni locali è invitato ad andarsene») ha speso circa 400 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento