Cronaca

Picchiata dal marito ubriaco: scappa in strada con il bimbo in braccio

Il marito violento è stato arrestato poco dopo nei pressi di una scuola di Pontevico: era andato a prendere la figlioletta di 10 anni.

Ubriaco e violento. Quando alzava il gomito, alzava pure le mani: sulla moglie, una giovane donna indiana, ma pure sui loro due figli di 8 e 10 anni. L'ennesima triste storia di maltrattamenti in famiglia arriva da Pontevico: nei giorni scorsi, la vittima delle botte e delle angherie è stata costretta a correre in strada, con il figlio più piccolo in braccio, per poi rifugiarsi in caserma e chiedere aiuto ai carabinieri.

Una corsa disperata che ha messo finalmente fine alla spirale di violenza. La donna, in preda al terrore, è stata accolta e ascoltata dai militari. Dopo anni di botte, insulti e pure di 'prigionia' forzata - pare che il marito la chiudesse spesso in casa - ha trovato il coraggio non solo di fuggire dal marito orco, ma di raccontare tutto. Pare che l'uomo, classe '78, fosse già ubriaco di prima mattina: per futili motivi aveva brutalmente aggredito la moglie, costringendola a scappare di casa e a chiedere aiuto.

Bersaglio di insulti e violenze non solo la giovane donna, ma pure i due figli della coppia. Dopo aver raccolto la denuncia, i militari si sono mossi per fermare il marito orco. L'uomo è stato bloccato - e arrestato in flagranza di reato - mentre andava a prendere la figlia più grande a scuola. Le manette, per maltrattamenti in famiglia, sono scattate proprio nei pressi dell'istituto scolastico. 

Il Gip ha poi convalidato la misura e disposto la custodia cautelare in carcere per l'uomo, mettendo così fine all'incubo - durato ben 10 anni - della giovane moglie e dei figlioletti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiata dal marito ubriaco: scappa in strada con il bimbo in braccio

BresciaToday è in caricamento