menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri mettono i sigilli al bar

I carabinieri mettono i sigilli al bar

Anti-Covid: troppi clienti e distanze non rispettate, bar chiuso dai carabinieri

La misura dopo i controlli dei carabinieri. Solo una settimana fa un cliente ubriaco aveva scatenato il panico e aggredito la barista.

I sigilli, dopo le scene da far west. Ma la chiusura non ha nulla a che fare con la nottata di follia dello scorso 9 agosto. Riguarda invece la violazione delle norme anti-Covid da parte del locale (il "Soho") che si affaccia su piazza Mazzini a Pontevico. 

Il controllo dei carabinieri della stazione di Pontevico è scattato nella nottata di Ferragosto e i militari hanno constatato che il bar era troppo affollato: il numero di avventori era superiore alla capienza possibile. Troppi clienti e pure 'ammassati': secondo quando ricostruito dalle forze dell'ordine, nessuno rispettava il distanziamento interpersonale di un metro.

Barista prima 'salvata' poi multata

I militari hanno notificato alla proprietaria l’ordinanza di chiusura, in attesa del provvedimento del Prefetto di Brescia che disporrà un adeguato numero di giorni di stop. Si tratta della stessa donna che, lo scorso 9 agosto, era sta colpita al volto e minacciata con un coltello da un 49enne ubriaco. L'uomo aveva seminato il panico tra gli avventori brandendo un coltello. A disarmarlo, salvando di fatto  anche la barista, era stato un allievo carabiniere. Ironia della sorte, nelle scorse ore un altro militare le ha notificato il provvedimento di chiusura e recapitato pure una multa da 280 euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    Giornate FAI di Primavera 15 e 16 maggio 2021

  • Concerti

    Brescia: Omar Pedrini alla Latteria Molloy

  • Attualità

    Brescia vince il premio "Città italiana dei giovani 2021"

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento