Cronaca

Ponte di Legno: 200 candelotti di dinamite nascosti in casa

L'esplosivo, sequestrato dai carabinieri della Compagnia di Breno, è stato fatto brillare giovedì sera

Duecentosei candelotti di dinamite-gelatina, del tipo usato nelle cave; 100 metri di miccia detonante e 200 a lenta combustione; 27 detonatori e 3 cartucce da segnalazione, forse quelle che un tempo venivano utilizzate prima di un'esplosione controllata: è il materiale che per circa 25 anni è rimasto nascosto in un vecchio pollaio in un terreno incolto vicino all'abitato di Ponte di Legno e che é stato ritrovato da un 61enne del posto, che aveva avuto in eredità dal defunto suocero l'appezzamento di terra.

L'uomo, spaventato, ha subito avvisato la stazione dei carabinieri. Sul posto è intervenuta anche una squadra di artificieri antisabotaggio del comando provinciale dei carabinieri di Brescia che hanno fatto brillare l'esplosivo in località Valle delle Messi in due diversi momenti: nella serata di ieri e questa mattina.


Le indagini hanno permesso di escludere ogni responsabilità del 61enne: con ogni probabilità, infatti, il materiale era stato nascosto dal defunto suocero, che di professione era fochino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte di Legno: 200 candelotti di dinamite nascosti in casa

BresciaToday è in caricamento