rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca Polaveno

Tentarono di uccidere la sorella con un'ascia: condannati i due gemelli

I legali difensori hanno sempre rigettato l'accusa di tentato omicidio

Nel pomeriggio di ieri, venerdì 10 febbraio, sono stati condannati a 3 anni, 1 mese e 10 giorni di reclusione i due gemelli fratelli (ora 18enni), che nel febbraio scorso avrebbero tentato di uccidere la sorella più grande (22 anni) a colpi d'ascia, nella casa di famiglia a Polaveno.

Il pm aveva chiesto una condanna a 6 anni. I legali difensori hanno sempre rigettato l'accusa di tentato omicidio, parlando invece di "lesioni gravi" in quanto i due gemelli, all'epoca minorenni, avrebbero fermato volontariamente l'aggressione, allertando poi i soccorsi. Il giudice del Tribunale dei Minori ha invece riconosciuto l'accusa di tentato omicidio: i 3 anni di reclusione sono quindi il risultato dello sconto di pena (pari a un terzo) per aver scelto il rito abbreviato e per il riconoscimento delle attenuanti generiche e quelle per la minore età.

Cosa è successo quella notte

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la notte del 19 febbraio i due fratelli avrebbero fatto irruzione nella camera della sorella armati di ascia e coltello. L'avrebbero colpita più volte mentre stava dormendo e solo la prontezza di riflessi della ragazza avrebbe evitato un epilogo ben più drammatico (ma ci sono volute comunque settimane di riabilitazione e svariate operazioni chirurgiche per riprendersi dalle ferite). I fratelli se la sarebbero poi data a gambe, non prima di aver sottratto 200 euro dal portafoglio del padre: i carabinieri li fermarono poco più tardi a Ponte Zanano di Sarezzo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentarono di uccidere la sorella con un'ascia: condannati i due gemelli

BresciaToday è in caricamento