"Un nostro amico è annegato!", invece vagava ubriaco in strada

L'uomo, un 35enne polacco, è stato ritrovato sul sedile di un'auto nel centro di Sirmione. Un 40enne di Desenzano, vedendolo vagare ubriaco fradicio, lo ha fatto salire in macchina per aiutarlo, ma anche lui è finito nei guai

SIRMIONE.  La Guardia Costiera lo cercava nelle acque del lago di Garda, nella zona della penisola catulliana, ma a trovarlo, sul sedile anteriore di una Clio, è stata la Polizia Locale. La bizzarra vicenda ha avuto luogo lo scorso sabato. Protagonista un trasportatore polacco di 35 anni che, dopo una bevuta in compagnia, si era allontanato per tuffarsi nel lago, facendo perdere le proprie tracce. 

Temendo il peggio, i suoi amici hanno allertato la Guardia Costiera ed immediate sono partire le ricerche. Ma il 35enne dall'acqua era uscito sano e salvo e, per smaltire la sbornia, si era fatto un giretto a piedi nel centro di Sirmione. 

A notarlo un 40enne di Desenzano che, visto lo stato in cui versava, lo ha caricato in auto, una Clio, per riportarlo al parcheggio dove aveva lasciato il furgone. Una buona azione che è fruttata al 40enne le salate sanzioni della Polizia Locale. Le telecamere della zona a traffico limitato hanno infatti ripreso la targa dell'auto, che risultava non revisionata, e si sono messi sulle sue tracce.

Trovato il veicolo del 40enne, gli agenti hanno risolto anche il giallo del presunto annegato, oltre a scoprire che il desenzanese guidava senza patente: la licenza di guida gli era stata revocata dal 2010. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento