Cronaca

Falsificavano la scadenza degli alimenti, a processo due bresciani

I due facevano parte di un'organizzazione che operava tra il Bresciano e la Toscana

Allungavano la vita agli alimenti cambiando la data di scadenza presente sull'etichetta, mettendo a serio rischio la salute dei consumatori.

Per questo motivo due bresciani, R.C. di 44 anni e R.B. di 66, sono finiti a processo assieme a diversi complici sparsi un po' per tutta Italia, a seguito dell'inchiesta Safe Food condotta dalla Guardia di Finanza di Pisa.

Falsi mutui dalle banche:
truffa da 5 milioni di euro

Per gli imputati l'accusa è associazione a delinquere finalizzata alla frode alimentare. I prodotti sequestrati sono stati in tutto 250.000, tra cui sottaceti, barattoli di pomodoro, verdure grigliate e merendine per bambini.

Per risparmiare, la merce contraffatta veniva comprata all'ingrosso tra Brescia e Cremona quand'era prossima alla scadenza.

Spedita in Toscana, dove veniva cambiata la data di scadenza, ritornava nella nostra provincia con la nuova etichetta pronta per essere rinvenuta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsificavano la scadenza degli alimenti, a processo due bresciani

BresciaToday è in caricamento