Scooter e zaino in spalla, consegnava la droga in paese: arrestato ragazzo

Nei guai un 21enne di casa a Pian Camuno: colto in flagrante mentre cedeva una dose di marijuana a un coetaneo. Nei guai, due mesi fa, era finita la sorella: anche lei arrestata per spaccio

Un business redditizio, da portare avanti nonostante i guai con la giustizia. Un’attività di famiglia passata - dopo l’arresto - dalle mani di una ragazza di 22 anni a quelle del fratello minore. Il giovane, di casa nella Bassa Valcamonica, era nel mirino dei carabinieri della Stazione di Darfo Boario Terme da tempo e non a causa della sua parentela.

I militari lo hanno pedinato per giorni: a bordo di uno scooter girava per i posti più frequentati dai giovani della Bassa Valcamonica. Sulle spalle aveva sempre un zainetto: lo stesso dal quale avrebbe estratto i 5 grammi di marijuana consegnati ad un coetaneo proprio mentre i carabinieri lo stavano osservando.

Trovato il 'registro' dello spaccio

Documentato lo scambio, i militari hanno perquisito di nuovo l’abitazione che il 21enne divide con la sorella maggiore: all’interno di una stanza usata per il deposito degli attrezzi sono stati trovati altri 32 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e un vero e proprio registro dell’attività di spaccio, un quaderno dove il 21enne segnava quantativi ceduti, clienti, e somme guadagnate. 

Scovati sullo smartphone i numeri dei clienti

Controllato anche lo smartphone: nella rubrica c’erano diversi numeri appartenenti a ragazzini non ancora maggiorenni, clienti del giovane pusher, per i militari. In quella stessa casa i Carabinieri della Compagnia di Breno e della Stazione di Artogne erano entrati lo scorso luglio, quando era finita in manette la sorella del 21enne, ‘beccata’ con quasi un chilogrammo di marijuana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lei aveva patteggiato la pena, lui è stato sottoposto a rito direttissimo. Convalidato l’arresto, il giudice ha disposto l’obbligo di firma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento