Arrestato per aver picchiato la moglie, torna libero e ricomincia a maltrattarla

L'uomo era poi fuggito all'estero: i carabinieri lo hanno arrestato, di nuovo. In aeroporto.

I Carabinieri di Artogne hanno arrestato, per il reato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, un 32enne di origini marocchine residente a Pian Camuno.

L’uomo, già finito in manette lo scorso 14 aprile per gli stessi reati, appena rimesso in libertà aveva ripreso a maltrattare la moglie. Così i militari avevano raccolto ogni elemento utile e richiesto dalla magistratura per l’emissione di un provvedimento restrittivo per mettere definitivamente fine all'incubo della donna.

Lo scorso maggio, ricevuto il provvedimento restrittivo, i carabinieri si erano recati a casa dell’uomo, ma lui non c'era: aveva fatto le valige ed era tornato in Marocco

L'epilogo mercoledì: il 32enne ha fatto sapere alla moglie che sarebbe tornato nel Bresciano e lei ha immediatamente avvisato i carabinieri. Ad  aspettarlo, all’aeroporto di Orio al Serio, non c'era la compagna, ma i militari che lo hanno arrestato, di nuovo. Per lui si sono spalancate le porte del carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento