Urla e spintoni davanti alla chiesa: ubriachi, si sfidano armati di coltello

Blitz dei carabinieri a Piamborno, la notte di capodanno: denunciati due bresciani che davanti alla chiesa si stavano minacciando con un coltello

Foto d'archivio

Chissà come sarebbe potuta finire, se non fossero intervenuti i carabinieri: i due si stavano minacciando con un coltello, uno a testa, proprio di fronte alla chiesa di Piamborno, la notte di capodanno. Parecchio ubriachi, alle prese con una classica lite per futili motivi: entrambi bresciani, di 23 e 53 anni, sono stati tutti e due denunciati per ubriachezza e porto di oggetti atti a offendere.

L'allarme è stato lanciato nel cuore della notte, intorno alle 2.30: da chi era rimasto ancora sveglio, e ha praticamente assistito alla scena, e da chi invece è stato destato dal crescente vociare dei due protagonisti della zuffa.

Una lite violenta, riferiscono i militari: un alterco inaugurato forse all'uscita di un locale, e poi proseguito per le vie del paese fino a raggiungere la chiesa. Proprio qui i due hanno avuto la malsana illuminazione: hanno entrambi estratto il coltello che nascondevano nel giubbotto.

Faccia a faccia armati di coltello

Novelli spadaccini, per fortuna non si sono feriti: si sono sfidati a parole, brandendo le loro lame, qualche coltellata sfiorata, uno spintone di troppo. Sul posto sono intervenute due pattuglie del Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia di Breno: non è stato facile placare gli animi agitati dei due, che hanno cercato prima di divincolarsi e poi addirittura di fuggire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bloccati, non senza difficoltà, sono stati accompagnati in caserma, interrogati e denunciati. Il pronto intervento dei militari ha così evitato che potesse succedere qualcosa di grave, che la lite potesse degenerare in tragedia. Confermate le ipotesi della vigilia: una lite per futili motivi, ingigantita dall'alcol ingerito durante la notte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • Tragico gesto estremo: giovane uomo muore suicida a 38 anni

  • Positivo al coronavirus: altra classe in quarantena, tampone per tutti i compagni

  • Scoppia la tv, la casa si riempie di fumo: donna muore tra le braccia della figlia

  • Addio a Daniela, uccisa dalla malattia: il dolore del marito e della giovane figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento