Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca Centro / Piazza della Loggia

Una catena umana circonda la Loggia: “Fermiamo il Pgt”

La manifestazione del tardo pomeriggio ha coinvolto tutte le opposizioni, dai partiti alle associazioni ai comitati. Clou della giornata la lunga catena umana che ha circondato il Palazzo della Loggia, mentre all'interno si discuteva il nuovo Pgt

Foto © Jessica Tambaro

Questa volta Brescia non ci sta, e non ci sta davvero. Il messaggio lanciato dai cittadini e dai militanti che ieri nel tardo pomeriggio hanno occupato Piazza Loggia mentre in Consiglio Comunale si discuteva il tanto contestato Pgt appare ora come ora più inequivocabile che mai. “Contro un progetto che per molti renderebbe Brescia la capitale del consumo di suolo, contro un progetto che colpisce tutte le aree verdi della città, non riqualifica edifici in disuso, non incentiva la mobilità e lo sviluppo sostenibile della città stessa, nonostante i giorni e i mesi che passano veloci, e il MetroBus è già una realtà”. In piazza i rappresentanti dei partiti dell’opposizione e dei numerosi comitati cittadini, dal Pd a Sinistra Ecologia e Libertà, dal Psi a Legambiente, e poi il Codisa e il Comitato Contro le Nocività, che con un provocatorio abbraccio hanno circondato l’intero Palazzo della Loggia, una lunga e larga catena umana che difficilmente passerà inosservata ma che difficilmente sortirà gli effetti sperati.

“Questo Pgt rispecchia le scelte della giunta che da tempo intende procedere senza una vera progettazione – spiega a BresciaToday Maria Cipriano del Partito Socialista – e conferma la scelta nefasta di non riutilizzare l’esistente ma di aumentare la cementificazione nonostante la situazione critica, sia economica che ambientale. Le grandi opere danno lavoro ma si può e si deve lavorare anche sull’esistente. E poi la mobilità, non c’è un incentivo che sia uno all’utilizzo del mezzo pubblico, anzi pare evidente che si vuole ancor più incentivare l’uso del mezzo privato, dell’automobile”.

“Questa giunta, come sempre, non ascolta più la gente – aggiunge Giorgio De Martin del Partito Democratico – una maggioranza non può decidere di accontentare solo le aree che le garantiscono il gettito elettorale come Costalunga. Il nuovo Pgt aumenta l’edificazione in maniera illogica e irrazionale, rispetto a un Prg che era già stato generoso. Tutto questo alla faccia del tema ambientale, quando Brescia si conferma come una delle città più inquinate d’Europa, ora che servirebbe una vera risposta sostenibile”.

“Stiamo assistendo ad attacco al suolo davvero capillare – commenta invece Isaac Scaramella di Legambiente Brescia – in cui sono a rischio tutte le aree verdi, e si dà attenzione esclusiva al particolare senza ragionare invece in termini più generali, per tutta la città. Il Pgt non rispetta l’ambiente e non ascolta i cittadini, quella di oggi è stata una critica trasversale in cui tutte le opposizioni si sono trovate in piazza per dire la loro, per manifestare il proprio dissenso. Non si può delineare la Brescia del futuro a colpi di maggioranza”.

Tra le tante aree colpite impossibile non citare l’area a sud est della città, quella compresa tra Buffalora e San Polo, quella del Parco delle Cave. “La cementificazione che traspare dalla lettura del Pgt fa preoccupare – queste le parole di Gabriele Avalli del Codisa – anche e soprattutto per la zona sud est, la nostra zona, dove il Parco delle Cave corre il rischio di diventare un semplice contenitore. Stiamo ancora aspettando che il sindaco rispetti l’impegno da tempo sottoscritto”.

In piazza anche gli alberi che già lunedì avevano ‘intercettato’ qualche assessore e qualche consigliere: “Quella di oggi è stata una bellissima manifestazione – sorride Alessandra Cristini del Comitato Spontaneo Contro le Nocività – abbiamo espresso la nostra totale disapprovazione al Pgt in discussione. Un vero schifo, un progetto che addirittura peggiora le scelte del Prg: loro parlano di nuovo verde, noi questo verde non lo vedremo mai. Le votazioni in aula, poi, sono state vergognose. La maggioranza ha votato compatta tutti gli emendamenti, senza nemmeno discuterne”.

 

Si ringrazia Jessica Tambaro per le fotografie - Tutte le foto © Jessica Tambaro - Tutti i diritti riservati

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una catena umana circonda la Loggia: “Fermiamo il Pgt”

BresciaToday è in caricamento