menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Petrisol Vasile Cioraba

Petrisol Vasile Cioraba

Travolge e uccide un ragazzo all'uscita dalla disco: "Pensavo fosse il guardrail"

È stato lo stesso automobilista 20enne, dopo aver confessato, a far ritrovare il corpo senza vita della vittima: il 18enne Petrisol Vasile Cioraba

Travolto e scaraventato in una scarpata mentre rincasava a piedi dalla discoteca. È il tragico destino di Petrisol Vasile Cioraba, 18 anni, romeno di casa nel Cremasco. Uscito dal locale Magika Disco Club di Bagnolo Cremasco, nella notte tra sabato e domenica, aveva rifiutato un passaggio in auto offerto dagli amici. Voleva stare da solo e percorrere a piedi i quattro chilometri che lo separavano dalla sua abitazione di Palazzo Pignano, ma non è mai arrivato a casa.

La mattinata successiva era scattata la denuncia di scomparsa e poi le ricerche da parte dei familiari e degli amici: avevano ripercorso la strada fatta dal giovane, ma senza trovarne traccia. Il corpo del 18enne era in una scarpata, nascosto dall'erba: non avrebbero mai potuto notarlo.

La confessione del 'pirata'

Ricerche sul campo, ma anche disperati appelli su Facebook. Proprio un accorato post condiviso sui social dalla madre del 18enne ha spinto il 'pirata' della strada che aveva investito Petrisol ad andare dai Carabinieri. Si tratta di un ragazzo di soli 20 anni: 36 ore più tardi ha confessato l'accaduto. Ai militari avrebbe detto di non essersi accorto, in un primo momento, di aver travolto una persona. Anche lui  era appena uscito dalla discoteca: "Pensavo di aver sbattuto contro il guardrail", avrebbe raccontato a chi lo ha interrogato. Poi ha fatto ritrovare il corpo del 18enne.

Una versione che non convince chi indaga: la vittima sarebbe finita sul parabrezza dalla Fiat Punto, sfondandolo, prima di finire a terra e rotolare nella scarpata. Difficile quindi credere che il 20enne - denunciato a piede libero per omicidio stradale -  alla guida non si fosse accorto di aver investito qualcuno, prima di fuggire senza lasciare traccia. 

La disperazione di amici e parenti

Tutta la famiglia e i conoscenti sono accorsi sul luogo del ritrovamento del corpo. Stando a quanto riporta il Corriere della Sera, la madre e la fidanzata del 18enne avrebbe accusato un malore, mentre gli amici - in lacrime - si chiedevano perché il 'pirata' non fosse stato arrestato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento