A zig-zag in auto ubriaco fradicio, poi scappa a piedi lungo i binari

I carabinieri hanno fermato un 40enne a Peschiera dopo averlo visto decisamente incerto alla guida: sottoposto all'alcoltest, ha fatto registrare un volare pari a 2 g/l, quattro volte sopra il limite consentito

Foto di repertorio

Zigzagava sulla carreggiata con la propria auto, mettendo a repentaglio la propria incolumità e quella degli altri automobilisti, attirando su di sé l'attenzione dei carabinieri. 

Il fatto risale alle notte tra domenica e lunedì, attorno alle 2, quando a Peschiera i militari hanno fermato un veicolo che procedeva lungo la strada in maniera anomala e pericolosa. 

E’ quindi scattato il controllo: al volante si trovava un 40enne mantovano, che prima ha consegnato i proprio documenti e poi si è sottoposto all'alcoltest. Quando il macchinario ha rilevato un tasso alcolemico vicino a 2 g/l, ossia quattro volte superiore al consentito, l’uomo ha perso il controllo. 

Realizzato infatti che gli sarebbe stata sospesa la patente, ha cercato la fuga scappando a piedi lungo i binari della vicina ferrovia. I carabinieri si sono quindi lanciati al suo inseguimento ma, una volta bloccato, il fuggitivo ha cercato di liberarsi tirando calci e pugni. 

Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per guida in stato di ebbrezza, è comparso davanti al giudice per l'udienza di convalida: l'arresto è stato convalidato e il mantovano rimesso in libertà in attesa del processo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento