menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo del tentato suicidio

Il luogo del tentato suicidio

Ragazza si lega i piedi e si butta nel fiume, carabinieri eroi le salvano la vita

L'episodio, avvenuto domenica scorsa a Peschiera, è stato reso noto in seguito all'encomio ricevuto da Gabriele Macripò e Salvatore Principato, i due carabinieri protagonisti del salvataggio

Lago di Garda. Domenica scorsa, 29 settembre, due carabinieri di Peschiera del Garda, Gabriele Macripò e Salvatore Principato, hanno salvato una ragazza che aveva tentato di togliersi la vita, gettandosi nel Mincio. Nel corso di questa settimana, i due militari hanno ricevuto le congratulazioni del comandante provinciale dell'Arma di Verona Pietro Carrozza, che nel loro gesto ha visto l'impegno speso quotidianamente dai carabinieri per la sicurezza dei cittadini.

Il salvataggio

La giovane di 21 anni salvata dai due carabinieri è di origine marocchina e vive a Peschiera. A dare l'allarme era stata la madre, la quale ha chiamato i soccorsi, temendo che sua figlia fosse uscita di casa quella mattina per farla finita. Subito sono cominciate le ricerche, facilitate da una serie di segnalazioni. Alcuni cittadini, infatti, si sono preoccupati nel vedere una ragazza che sui Bastioni di Peschiera, nei pressi della Barcaccia, si stava legando i piedi e aveva anche una busta con cui voleva coprirsi il capo.

Immediatamente, tutte le pattuglie sono state inviate sul posto. La giovane, prima che i carabinieri potessero bloccarla, si è gettata nel fiume, perdendo nel volo la busta. Macripò e Principato si sono precipitati sulla riva del fiume ed hanno preso una barca e con dei remi di fortuna si sono avvicinati al punto in cui la ragazza stava annegando. Uno dei due, allora, si è tuffato in acqua e ha riportato in superficie la giovane. Lei, nonostante i piedi legati, ha cominciato a dimenarsi, perché non voleva essere salvata. Il carabiniere ha comunque resistito e ha portato la giovane sulla barca ed insieme al collega sono poi tutti tornati a riva. La ragazza è stata sedata ed è stata poi portata in ospedale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: il Comune bresciano che ha contagi da zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento