rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Cronaca

Incidente o gesto estremo: il mistero della donna trovata morta nel lago

Le indagini proseguono serrate

Non ha ancora un nome il corpo senza vita riaffiorato dalle acque del lago di Garda nella prima mattinata di lunedì. Stando ai primi accertamenti effettuati dai carabinieri, si tratterebbe di una donna dai tratti somatici europei e, apparentemente, di età compresa tra i 65 e i 70 anni. La vittima era completamente vestita e pare che si trovasse in acqua già da parecchie ore, almeno da domenica sera. Nessuna denuncia di scomparsa, corrispondente al profilo della donna trovata morta, sarebbe stata presentata nei giorni scorsi. E non ci sarebbero altri elementi utili, come la presenza di tatuaggi sul corpo, per risalire alla sua identità.

Una cosa è certa: chi indaga avrebbe escluso l'eventuale responsabilità di terze persone nel decesso, che sarebbe avvenuto per annegamento. Nessun segno di violenza è infatti stato trovato sul cadavere. Le ipotesi al vaglio sono quelle del gesto estremo o della caduta accidentale: il cadavere sarebbe poi stato spinto dalle correnti sul lungolago di Peschiera, in località Campanello, dov'è stato avvistato verso le 7 di lunedì. Non si esclude che la vittima fosse una turista: per questa ragione i militari stanno passando al setaccio anche i registri degli alberghi e delle strutture ricettive della zona. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente o gesto estremo: il mistero della donna trovata morta nel lago

BresciaToday è in caricamento