Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Pertica Bassa

Tonnellate di rifiuti pericolosi abbandonati sul fiume: si rischia il disastro

L'allarme lanciato dal sindaco: rifiuti ancora abbandonati sul ciglio del torrente Degnone a Pertica Bassa, e ormai da più di un anno

Cumuli di rifiuti pericolosi e inquinanti “appoggiati” sul ciglio del fiume, e da più di un anno: basterebbe poco per farli cadere, e provocare così un disastro ambientale. Lo scrive Bresciaoggi: a Pertica Bassa sonnecchia una vera e propria bomba ecologica. Sono gli accumuli dei rifiuti bruciati sul finire del 2017 nel piazzale della Metal Rex, in un terreno di proprietà della Trento Trans. Affacciato direttamente sul torrente Degnone.

Proprio sulle responsabilità delle due aziende è intervenuto il sindaco Manuel Bacchetti. Negli ultimi mesi sono state pubblicate ordinanze di sgombero e bonifica, mai rispettate. E con il nuovo anno il primo cittadino ha annunciato di aver nuovamente informato della situazione tutte le autorità: magistratura, carabinieri, Arpa e polizia locale.

Si attendono sviluppi, nelle prossime settimane. Ma la situazione di rischio rimane. Conseguenza del rogo di poco più di un anno fa, quando bruciarono più di 30 tonnellate di rifiuti e scarti di lavorazione, come nylon e poliestere, stoffa e materiali sintatici.

Ci vollero delle ore per domare l'incendio, con l'intervento di diverse squadre dei Vigili del Fuoco. Il Comune intervenne anche successivamente, per la rimozione dei rifiuti che erano caduti nel torrente. A seguito dell'incendio l'area era stata posta sotto sequestro dalla magistratura. E anche su quel fronte le indagini proseguono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tonnellate di rifiuti pericolosi abbandonati sul fiume: si rischia il disastro

BresciaToday è in caricamento