Il calvario dei pendolari: trafelati al binario, restano sulla banchina

La denuncia di un pendolare della linea Brescia-Bergamo delle 7.02: "Siamo arrivati trafelati al binario, il treno aveva le porte chiuse e non ci ha lasciati salire, ripartendo con noi attoniti sulla banchina"

Foto di repertorio

Non basta doversi alzare all'aba 5 giorni su 7, dare un bacio frettoloso alla famiglia e correre trafelati verso la stazione. No, perché oltre al "danno" - per quanto poco possa considerarsi un danno di questi tempi avere un lavoro, per quanto non vicino a casa - c'è la beffa Trenord.

La segnalazione fa parte di una lettera inviata da un lettore all'Eco di Bergamo: "Arriviamo trafelati al binario - dice -, il treno è lì ma non ci apre e parte".

Il convoglio incriminato è quello della linea Brescia-Bergamo delle 7.02, ogni giorno affollato di pendolari che poi devono cambiare treno per poter raggiungere Milano. 

A un ritardo "canonico"di almeno 5-10 minuti i pendolari sono abituati, prosegue la lettera, ma ci sono giornate che hanno "del clamoroso". Come quella di ieri, venerdì 18 settembre: il treno si ferma a Bergamo, in arrivo da Brescia per Milano, alle 7.02. I pendolari trafelati si dispongono sulla banchina in attesa di poter salire. Ma le porte sono già chiuse. E tali resteranno.

Il treno, infatti, partirà senza aver lasciato salire lavoratori, né studenti, né viaggiatori di "piacere". 

"L'impatto economico e sociale in ore lavorative perse - denuncia il lettore -, appuntamenti da rimandare, stanchezza fisica e psicologica che si accumula... è davvero rilevante e facilmente calcolabile, visto il numero di persone coinvolte, in svariate migliaia di euro. Tutto questo per mancanza di coordinamento e per non aver tenuto aperte le pporte un minuto (uno!) in più".

"Auspico - conclude la lettera - maggiore vigore nell’azione da parte delle amministrazioni comunali di tutti i paesi in cui i cittadini pendolari vivono presso i vertici di Regione Lombardia e delle società che gestiscono e dunque hanno la responsabilità del trasporto pendolare. Un mancato e marcato cambio di rotta costringerebbe i pendolari a dubitare dell’efficacia della loro attività amministrativa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brescia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Bonus auto, via alle prenotazioni: come ottenere l'ecobonus fino a 10mila euro

  • Allarme temporali nel Bresciano: rischio concreto di supercelle

  • Porta una sedia in giardino, gli cade sopra: carotide recisa, muore a 44 anni

  • Tempesta nella notte: frane e fiumi straripati, paese in ginocchio

  • Lago di Garda, prurito quando si esce dall'acqua: è la "dermatite del bagnate"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento