Bovezzo: 500 film hard con minori, denunciato pedofilo

Il commissariato di polizia di Desenzano ha denunciato un 40enne di Bovezzo per detenzione di materiale pedopornografico. Nella sua abitazione nascondeva 500 filmati di bambini e adolescenti ripresi in atteggiamenti intimi

Una cineteca dell'orrore. Filmati ripugnanti di bambini ed adolescenti ripresi in atteggiamenti intimi o durante la consumazione di un rapporto sessuale. È quanto hanno trovato i poliziotti di Desenzano nella casa di un 40enne di Bovezzo.

Il materiale pedopornografico era salvato e conservato su diversi computer, su alcuni hard disk esterni e su Dvd.I filmati non sarebbero stati prodotti dall'indagato, ma scaricati dalla rete.

Durante la perquisizione i militari hanno trovato anche una video camera di piccole dimensioni che era stata nascosta in una cassa acustica realizzata appositamente.

La cassa era, infatti, vuota e attraverso un foro, ben nascosto, poteva riprendere immagini all'insaputa dei presenti.

Il quarantenne è stato denunciato per possesso di materiale pedopornografico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento