rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca

"Mandami le tue foto intime", pedofilo bresciano adescava ragazzini

A processo per adescamento di minori

"Diceva che mi avrebbe dato soldi per la droga o per le escort, e che avrebbe potuto farmi conoscere ragazzine della mia età. In cambio voleva foto che mi ritraessero nudo": è la testimonianza, riportata da Cuneodice.it, del ragazzo - all'epoca dei fatti aveva 13 anni - che sarebbe stato adescato su internet da un pregiudicato bresciano, già noto per reati simili e ora a processo - in tribunale a Cuneo - per adescamento di minori.

Avrebbe conosciuto due ragazzini - oggi maggiorenni, a quel tempo avevano 12 e 13 anni - su un portale di incontri online, a cui entrambi i giovanissimi si erano iscritti ovviamente senza dire nulla ai genitori. E' stata la mamma di uno dei due, dopo qualche settimana, a denunciare quanto stava accadendo alle forze dell'ordine.

PC e hard disk lanciati dalla finestra

La Polizia Postale di Brescia è subito intervenuta: come detto il presunto pedofilo era già noto alle forze dell'ordine, già sottoposto a diverse perquisizioni tra il 2015 e il 2017 e già denunciato per adescamento di minori e detenzione di materiale pedopornografico. In passato, durante una perquisizione, avrebbe lanciato dalla finestra computer e hard disk: in un'altra, andata a segno, è stato trovato in possesso di immagini pedopornografiche di ragazzine nude. L'imputato è ora sottoposto a sorveglianza speciale, con la misura cautelare del divieto di avvicinamento a oratori e altri luoghi frequentati da minori. In ottobre la prossima udienza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mandami le tue foto intime", pedofilo bresciano adescava ragazzini

BresciaToday è in caricamento