Via la pensione e i preziosi: anziana vittima della truffa del mercurio

Spacciandosi per impiegati comunali, due truffatori si sono introdotti in casa di un'anziana

Via l'ultima pensione e diversi oggetti d'oro, anelli e bracciali: un'anziana di 73 anni ha pagato a caro prezzo la fiducia mal riposta in due finti dipendenti comunali. L'ultimo, ennesimo, episodio di "ladri di sogni" arriva dalla Bassa, in particolare da Pavone del Mella. 

Spacciandosi per dipendenti comunali, uno da impiegato dell'Ufficio tecnico ed uno addirittura da agente di Polizia locale, due uomini hanno bussato alla porta dell'anziana. Mettendo in allerta la donna, i due hanno detto che stavano controllando le tubature dell'acqua per verificare l'eventuale presenza di mercurio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta introdotti, i due hanno chiesto all'anziana di mettere al sicuro gli oggetti d'oro in una busta, posizionandola nel frigorifero affinché non si danneggiasse durante l'erogazione dell'acqua "contaminata". La donna ha diligentemente messo in atto le prescrizioni, prelevando oro e contante dalla credenza dove erano nascosti. Una volta distratta la 73enne, i due si sono poi impossessati dei contanti e dei gioielli hanno rassicurato l'anziana dicendo che era tutto a posto, hanno salutato e fatto perdere le loro tracce. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento