Garage trasformati in magazzini per derrate alimentari: nei guai una famiglia

Denuncia per commercio e stoccaggio abusivo, multa salata in arrivo

Dopo settimane di appostamenti e controlli a distanza, venerdì mattina gli agenti della Polizia locale di Leno sono entrati in azione ed hanno avuto conferma di tutti i loro sospetti. A Pavone del Mella una famiglia di immigrati indiani utilizzava normalissimi garage, due di proprietà e due presi in affitto, come magazzini per derrate alimentari da rivendere all'ingrosso. 

L'indagine è partita dalla segnalazione fatta da alcuni cittadini residenti nella zona, insospettiti dall'andirivieni che a intervalli regolari si registrava presso quattro garage di proprietà di una famiglia di indiani in via Brescia. La famiglia gestisce un negozio nel Mantovano, a Goito, ma la mole di merce che entrava (grazie alla consegna di veri e proprio camion, addirittura autoarticolati) e usciva (a bordo di furgoni, camioncini e semplici vetture) sembrava sproporzionata per il commercio di un singolo punto vendita.  

Nel sopralluogo della Locale è così emerso che nei garage era stipata, senza alcun permesso e al di fuori di ogni norma igienica, una mole impressionante di prodotti, alimentari e non. Le violazioni? Cambio di destinazione d'uso dei locali, stoccaggio abusivo di generi alimentari, vendita all'ingrosso non regolamentata. La multa in arrivo sarebbe di circa 5mila euro, a ciò si aggiunge l'obbligo di ripristinare la funzione originale dei quattro garage. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Fabio Volo nella bufera per i commenti su Ariana Grande: la sua replica

  • Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

  • Aperitivi e cocaina: arrestato barista, chiuso il locale

  • Orrore davanti a turisti e passanti: donna si mozza un dito al porto

Torna su
BresciaToday è in caricamento