Nella cava dismessa rifiuti tossici e Pcb: "Allarme contaminazione"

Rifiuti tossici, Pcb e solventi: questo quanto si nasconderebbe ancora oggi nella cava Vallosa di Passirano. Si tratta di una delle location citate dal camorrista pentito Nunzio Perrella

Pcb e non solo: triclorometano, tricloroetilene, solventi vari, e poi rifiuti e scorie industriali, rifiuti solidi urbani. Questo quello che si nasconderebbe ancora oggi nell'ex discarica Vallosa di Passirano, in una cava (ormai dismessa da decenni) profonda fino a 10 metri e con una superficie di oltre 40 kmq.

Lo rivelano le analisi (ancora in corso) effettuate nel corso del cosiddetto "Piano di caratterizzazione dell'area": i tecnici sono al lavoro da un paio di mesi, l'obiettivo è capire cosa c'è là sotto, e cosa si può fare per rimediare.

Sarebbe questa una delle discariche citate anche da Nunzio Perrella, il pentito della camorra che ha raccontato del traffico dei rifiuti anche nel Bresciano. La Vallosa di Passirano venne chiusa nel 1979, con un'ordinanza, a causa dei miasmi allora definiti "insopportabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morta la piccola Nina: "Vola per sempre amore mio, la mamma arriva presto"

  • Fine settimana in Franciacorta per Belen Rodriguez e Stefano De Martino

  • "Amore mio, sposiamoci", ma in realtà gli deve un debito per la cocaina

  • 13enne ruba 9mila euro in casa propria, poi subisce la rapina da due amici

  • Auto sbatte contro il guard rail e si ribalta: morto un bambino, ferite due ragazzine

  • Infarto nel parcheggio dell'ospedale: morto ex preside e sindaco bresciano

Torna su
BresciaToday è in caricamento