Aggrediscono il cuoco a coltellate: espulsi tre profughi

Avrebbero chiesto il bis al volontario addetto alla mensa della struttura del Pampuri di Brescia: tre giovani richiedenti asilo di origini nigeriane sono stati espulsi e riaccompagnati in Questura

Tre giovani richiedenti asilo di origine nigeriana sono stati espulsi dalla struttura d’accoglienza del Pampuri di Brescia perché avrebbero aggredito brandendo un coltello un volontario impegnato in cucina nella distribuzione di cibo e pasti. Anche l’uomo aggredito è un profugo.

I tre aggressori avrebbero chiesto il ‘bis’, vedendoselo rifiutato. Da qui la reazione scomposta, e quel coltello che ha più volte sfiorato il volontario della mensa. Immediata l’espulsione dal centro di accoglienza, e il rientro in Questura in attesa dell’avvio del provvedimento di espatrio.

Del loro destino se ne occuperà un apposita commissione. Fino ad allora il Pampuri non riceverà più i 35 euro previsti per la loro accoglienza. Che ricordiamo vanno alla struttura che li accoglie, e non a chi viene accolto: la vicenda è già stata strumentalizzata a destra e a manca, e spesso diventa occasione per fomentare odio e razzismo da tastiera.

Va ricordato inoltre che lo Stato non sposta fondi destinati alle famiglie italiane per darli agli immigrati. I fondi in questione sono stanziati dall'Unione Europea, che prevede un finanziamento dei progetti d'accoglienza. Se non ci fossero immigrati da accogliere non ci sarebbero quei soldi, quindi non potrebbero essere destinati ad altri fini in ogni caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Lombardia zona rossa dal 17 gennaio, le regole: cosa si può fare e cosa no

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento