"La casa è contaminata da mercurio": ma è una truffa, colpo da 10.000 euro

Sono stati arrestati, dopo pochi mesi, i due malviventi che il 15 gennaio scorso avevano derubato l'imprenditore Roberto Bonadei e la moglie Giuseppina

La loro fuga è durata pochi mesi: chissà quanti anziani potrebbero aver truffato e derubato, nelle province di Brescia e di Bergamo. Sono stati arrestati dai carabinieri i due bresciani che, a fronte di altre ipotesi di reato, per certo il 15 gennaio scorso a San Pancrazio di Palazzolo avevano derubato l'imprenditore Roberto Bonadei e la moglie Giuseppina Lozio. Un colpo da oltre 10mila euro, tra soldi in contanti e gioielli.

In manette due pregiudicati bresciani

In manette due bresciani: un 42enne di Bedizzole, già noto alle forze dell'ordine per reati simili, e un 37enne di Lonato, raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare che già era in carcere, trasferito a Brescia dopo che aveva violato i domiciliari (a cui era stato sottoposto per via di un altro reato).

Sono loro, senza dubbio, i due malviventi che avevano messo in scena la truffa del mercurio a casa del noto imprenditore tessile in pensione, molto conosciuto in paese anche perché capogruppo degli Alpini. I due banditi si erano travestiti: il primo fingeva di essere un tecnico del gas, il secondo invece un agente della Polizia Locale.

Come funziona la truffa del mercurio

Una volta in casa, si sono finti agitati paventando una pericolosa (ma inesistente) perdita di mercurio dall'acquedotto. Con modi affabili e collaudati, hanno convinto marito e moglie a raccattare soldi e gioielli e a poggiarli sul tavolo, in sala da pranzo, "per proteggerli dai vapori di mercurio" che li avrebbero potuti danneggiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono bastati poi pochi attimi per mettere in scena il furto: arraffato tutto, se la sono data a gambe. Ora in manette, dopo circa 6 mesi di indagini senza sosta. I carabinieri sono ora a caccia della refurtiva, e in cerca di altre probabili vittime, purtroppo, dei due truffatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sdraia sul divano, "Nonna sto male": 14enne muore il giorno dopo in ospedale

  • Batteri fecali e da fogna: tre spiagge bresciane sono fortemente inquinate

  • Allarme temporali nel Bresciano: rischio concreto di supercelle

  • Porta una sedia in giardino, gli cade sopra: carotide recisa, muore a 44 anni

  • Tempesta nella notte: frane e fiumi straripati, paese in ginocchio

  • Lago di Garda, prurito quando si esce dall'acqua: è la "dermatite del bagnate"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento