Cronaca

Palazzolo: indebitato con le slot machine, si toglie la vita

La tragedia emblematica di un uomo di Palazzolo, seguito dalla Fondazione Richiedei a causa dei suoi problemi con il gioco d'azzardo: poi il folle gesto, troppi debiti e una vita ormai insostenibile

Ce n’è per tutti i ‘gusti’, e per tutte le tasche. Giovani alle prime armi, disoccupati di vecchia data, piccoli imprenditori sull’orlo del fallimento, pensionati: uniti nel bene, ma soprattutto nel male, di quella piaga sociale chiamata gioco d’azzardo, dal 2003 sotto diretto controllo dello Stato ma che proprio da allora ha cominciato a mietere le prime ‘vittime’.

E non è più solo un eufemismo, perché dalla Fondazione Richiedei di Palazzolo arriva un nuovo allarme, a seguito di un incontro dedicato proprio alla lotta alle ludopatie. Quasi una cinquantina le persone seguite nel corso del 2013, per problemi legati al gioco: tra queste anche chi non ce l’ha fatta più, pressato dai debiti.

Si è tolto la vita, costretto ad inseguire quella vincita che avrebbe dovuto “metterlo a posto”, e che invece non è arrivata mai. Caso emblematico, ed epilogo tragico, punta di un iceberg gigantesco, il gioco d’azzardo patologico.

Anche a Palazzolo, intanto, si lavora a raccogliere le firme, per una proposta di legge popolare per “la tutela degli individui tramite il riordino delle norme vigenti in materia di giochi con vincite in denaro”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzolo: indebitato con le slot machine, si toglie la vita

BresciaToday è in caricamento