Tentato stupro davanti a casa: “Mi piaceva, avevo voglia di far sesso con lei”

Il giovane pakistano già in carcere per il tentato stupro di lunedì mattina a Palazzolo sull'Oglio avrebbe confermato quanto accaduto nel corso dell'interrogatorio con il gip

Dalla sua cella in isolamento alla stanza degli interrogatori: senza mentire, ha confessato tutto. “L'ho vista, mi piaceva: volevo fare sesso con lei”. Questo quanto avrebbe detto agli inquirenti il giovane pakistano di 28 anni (clandestino e sconosciuto alle forze dell'ordine) che è stato arrestato lunedì mattina a Palazzolo sull'Oglio, per aver tentato di violentare una donna di 55 anni che stava tornando a casa dopo una sessione di jogging.

E il giovane ha raccontato tutto, ha confermato tutto quello che c'era da confermare (inerente alla vicenda): davanti al gip il 28enne non ha mai negato quello che è successo. “L'ho vista che correva al parco – avrebbe detto – e l'ho seguita per un po'. E' una bella donna, mi piaceva”.

Un colpo di fulmine, purtroppo a senso unico. “Mi sono avvicinato, mi è venuta voglia di fare sesso e allora ci ho provato”. Peccato che la fase del corteggiamento sia stata “tranciata” di netto: il ragazzo l'avrebbe braccata da dietro e poi quasi costretta a un rapporto sessuale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

Torna su
BresciaToday è in caricamento