Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Giovane mamma scomparsa, l'angoscia dei famigliari: "Potrebbero averle fatto del male"

Ancora nessuna notizia di Sara Capoferri, la 37enne scomparsa nel nulla da martedì notte. Nelle scorse ore la zona dov'è stata trovata la sua auto bruciata è stata passata al setaccio, ma di lei nessuna traccia. Esclusa l'ipotesi del gesto estremo, i familiari temono che qualcuno possa avere fatto del male

Sara Capoferri

Ore di ricerche minuziose a Berlingo, nel laghetto formatosi all'interno di una cava dismessa, come nella campagna circostante, si sono concluse con un nulla di fatto: non è stato trovato alcun indizio che possa far luce sulla scomparsa di Sara Capoferri. Sabato i sommozzatori hanno scandagliato ogni centimetro dello specchio d'acqua, profondo al massimo 20 metri, mentre la protezione civile, con l'ausilio delle unità cinofile, ha battuto l'area vicina al punto in cui, giovedì sera, è stata trovata l'auto carbonizzata della 37enne di Palazzolo, senza però trovare nulla di utile alle indagini.

Esclusa la pista del gesto estremo, gli inquirenti devono ricominciare da capo e seguire nuove piste per capire che fine possa aver fatto la 37enne, madre di una ragazza di 16 anni. Di lei non si hanno notizie da martedì notte: dopo aver trascorso una serata con gli amici ha spento il telefono ed è svanita nel nulla. 

Non sarebbe la prima volta che la giovane si allontana da casa, ma mai prima d'ora non si era stata via per così tanto tempo. Tra i parenti della donna l'angoscia e la paura crescono con il passare delle ore: "Abbiamo davvero paura che qualcuno possa averle fatto del male. Per questo chiediamo a chi sa qualcosa di farsi avanti" ha detto la sorella della donna al quotidiano Bresciaoggi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane mamma scomparsa, l'angoscia dei famigliari: "Potrebbero averle fatto del male"

BresciaToday è in caricamento