Il poliziotto suicida era finito al centro di una polemica: duri attacchi su Facebook

L'auto della Locale parcheggiata nel parcheggio per i disabili (foto Giovanni Manzoni - Facebook)

L'agente della Locale di 43 anni che si è tolto la vita in Comune a Palazzolo, sparandosi con la pistola di ordinanza, è lo stesso che nei giorni scorsi era finito al centro di una rovente polemica sui social, per aver parcheggiato l'auto della polizia nel posto riservato ai disabili, nei pressi della sede della Facoltà di Economia a Bergamo, in via dei Caniana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vicenda era iniziata lo scorso 24 gennaio, quando Giovanni Manzoni - presidente della sede bergamasca dell'Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili - aveva scattato la foto dell'auto della Locale di Palazzolo in sosta sul parcheggio dei disabili, postandola poi sulla sua pagina Facebook.

Subito gli utenti si erano scatenati in una serie di duri commenti indignati e il post era poi arrivato fino al Comando: il 43enne alla fine aveva ammesso le sue colpe, si era automultato con 100 euro donati all'Anmic (il costo della multa per l'infrazione) e aveva scritto una lettera di scuse: "Non ho parole per esprimere il mio rammarico - aveva scritto il vigile -. Non era mia intenzione, ma purtroppo mi sono confuso con la segnaletica. La prego di accettare le mie scuse sincere e di continuare a riporre fiducia nel nostro lavoro e nelle istituzioni".

Giovanni Manzoni aveva risposto con un altro post, dichiarando che i soldi saranno utilizzati per il "fondo abbattimento delle barriere architettoniche", accettando le scuse "con sincerità".

Sul suicidio stanno ora indagando i carabinieri della compagnia di Chiari. Al momento, non è dato sapere se il 43enne abbia lasciato un biglietto per spiegare le motivazioni del gesto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Colpo di pistola in Commissariato: agente muore dopo il trasporto in ospedale

  • Abbandonata dal marito, chiedeva l'elemosina in paese, è stata uccisa dal figlio che avrebbe dovuto proteggerla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento