Palazzo La Loggia: è sceso dal tetto l'immigrato Issah

Era salito sul tetto del Palazzo Comunale nella serata di ieri per rivendicare il suo diritto al permesso di soggiorno. Nel pomeriggio i compagni l'hanno convinto a scendere

Issah, il marocchino che ieri sera si è arrampicato sul tetto della Loggia per rivendicare il diritto ad avere un permesso di soggiorno, è sceso nel pomeriggio dalla cupola.

Il marocchino è stato convinto a scendere da un suo compagno di lotta, persuaso dalla pericolosità del gesto che stava portando avanti. Al contestatore sono state date garanzie sul fatto che la sua arrampicata sulla cupola di Palazzo Loggia non porterà conseguenze penali o amministrative. L'uomo è stato portato in ospedale per accertamenti.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: tampone obbligatorio per chi rientra dall'estero

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Coronavirus, allarme contagi di ritorno: 7 ragazze positive dopo una vacanza

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento