Paderno: arrivano i profughi, per il sindaco ospitarli è "un dovere morale"

Quattro profughi in arrivo a Paderno Franciacorta, affidati all'associazione Adl Zavidovici e alloggiati in appartamenti privati. Per il sindaco Silvia Gares ospitarli è "un dovere civico e morale"

"Un dovere civico e morale, che va di pari passo al rispetto per chi viene da realtà difficili". Così il sindaco di Paderno Silvia Gares nell’annunciare che anche a Paderno Franciacorta ‘sbarcheranno’ profughi richiedenti asilo. Saranno quattro, affidati all’associazione Adl Zavidovici.

Alloggiati in un alloggio privato, per qualche settimana. Prima di essere inseriti in un percorso di formazione e integrazione che prevede tra l’altro anche dei corsi di lingua italiana, tirocini lavorativi in aziende e cooperative della zona, lavori socialmente utili in collaborazione con il Comune.

Un periodo di permanenza ancora da definire, e che alle casse comunali non costerà un euro. Tutte le spese infatti saranno coperte grazie a fondi già stanziati, sia europei che statali. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Investita mentre attraversa la tangenziale di notte: morta ragazza di 22 anni

  • Ucciso dal cancro: fino all'ultimo Luca ha voluto gli amati cani al suo fianco

  • Donna trovata morta nel canale: potrebbe essere stata uccisa

  • Uccisa e fatta a pezzi dal marito: "Conosceva il suo tragico destino"

Torna su
BresciaToday è in caricamento