Lite tra due giovani fratelli, il papà li separa a coltellate

Un panetto di hashish trovato in cantina scatena un’accesa lite tra due fratelli di Ospitaletto, uno di 15 e l’altro di 21 anni: interviene il padre, accoltella il più grande e poi si consegna ai Carabinieri

Foto d’archivio

Un panetto di droga, un fratello maggiore (forse) premuroso, un padre che dà di matto e impugna un coltello. Sono questi gli ingredienti di una tanto curiosa quanto assurda lite familiare, in scena tra le mura domestiche – o meglio in cantina – di una famiglia di Ospitaletto.

Prologo: il più piccolo dei tre, un ragazzino di soli 15 anni, nasconde in cantina – dietro ad un portabottiglie – un panetto da circa 100 grammi di hashish. Il fratello maggiore, 21enne, lo trova e lo minaccia di dire tutto ai Carabinieri. Il padre, 52enne, interviene per sedare l’accesa lite ma ne diventa protagonista.

Tocca ai militari cercare di ricostruire nei dettagli quanto sia successo. Ma forse con l’intenzione di sedare la lite tra i due figli il padre ha estratto un coltello e ha colpito alla pancia il figlio maggiore. In preda al panico è poi scappato, prima di costituirsi raccontando tutto in caserma.

L’epilogo: un lieto fine tutt’altro che canonico. Il ragazzo accoltellato è stato ricoverato in ospedale, per fortuna non è in pericolo di vita. Il padre 52enne è stato denunciato per lesioni personali aggravate. Infine il giovane 15enne: anche lui denunciato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento