Cadono calcinacci dal soffitto: scuola chiusa fino a nuovo ordine

Verranno trasferiti nella sede centrale del Dandolo di Corzano i 130 studenti dell'Istituto tecnico del turismo di Orzivecchi, chiuso fino a data da destinarsi

Foto d'archivio

Dal soffitto piovono calcinacci, la scuola è costretta a chiudere (fino a data da destinarsi) per i necessari lavori di messa in sicurezza. Succede a Orzivecchi, dove tutti i 130 (circa) studenti dell'Istituto tecnico per il turismo si sono dovuti trasferire nella sede centrale dell'istituto Dandolo, a Bargnano di Corzano. Tutte le mattine, poco dopo le 8, raggiungono la scuola di Orzivecchi dove li aspetta un pullman per il trasferimento.

Una decisione sofferta ma necessaria, ha fatto sapere l'amministrazione comunale: conseguenza di un primo (lieve) crollo avvenuto nella notte tra l'8 e il 9 ottobre scorso. Da allora sono stati effettuati diversi accertamenti sulla tenuta edilizia dell'immobile: nessun problema statico o strutturale, ma dal soffitto potrebbe distaccarsi dell'altro intonaco, con il rischio di caduta calcinacci e altri elementi edili del solaio o della soletta.

Altri episodi bresciani

E' l'ennesimo episodio simile, in poche settimane, in terra bresciana. L'episodio forse più eclatante a Polaveno, quando dal muro si era staccata perfino una finestra: nell'incidente erano rimaste coinvolte due bambine, per fortuna niente di grave. In rapida sequenza anche gli episodi di Palazzolo sull'Oglio, di Desenzano del Garda e di Provaglio d'Iseo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

Torna su
BresciaToday è in caricamento