Rifiuti sotto la tangenziale, confermate le condanne a imprenditori e collaboratori

Anche il processo in appello conferma le condanne del primo grado, una trentina di anni di carcere per i vari imputati. Tra di loro il noto imprenditore bergamasco Pierluca Locatelli

Foto di repertorio

Continua a far parlare di sé la (purtroppo) famigerata tangenziale di Orzivecchi, la “bretella” della Sp235 chiusa ormai da anni, e che diversi osservatori hanno definito come la strada “costruita sui rifiuti”. Poco più di un anno fa erano stati chiesti poco meno di 30 anni di carcere, per i vari imputati: nessuno sconto di pena, condanne confermate anche in appello.

La costruzione della tangenziale, e in particolare della variante di Orzivecchi, avevano fatto emergere un sontuoso “giro” illecito di rifiuti, alcuni di questi probabilmente finiti (indagini ancora in corso) anche sotto la nuova autostrada A35, la BreBeMi.

Scarti di lavorazione, rifiuti speciali o pericolosi: chissà cosa c'è là sotto. Tanto che la “bretella” di Orzivecchi è ancora chiusa al traffico, ormai da anni, e sono ancora stati predisposti carotaggi nel terreno per verificarne le “condizioni”, e le eventuali contaminazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento