Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

"Faccio una telefonata, arrivo subito". Poi scappa con 12.000 euro in contanti

Arrestato a Monzambano, nel Mantovano, il macedone di 38 anni conosciuto come il "re della truffa": aveva appena fregato 12.000 euro in contanti a un gruppo di quattro polacchi

Foto di repertorio

A torto o a ragione, ma probabilmente a ragione, lo chiamano addirittura il “re della truffa”: un macedone di 38 anni ricercato in mezza Europa. Specialista nelle truffe legate alla compravendita di auto, è stato finalmente arrestato a Monzambano, nel Mantovano, dai carabinieri della stazione di Leno.

Una bella soddisfazione per i militari bresciani, che hanno chiuso il cerchio di una fuga che proseguiva da tempo. Senza mai stare fermo: ricercato e già noto alle forze dell'ordine italiane ed europee, e forse anche oltre, continuava imperterrito a fare il suo mestiere: truffare la gente.

Il suo stile era sempre lo stesso: pare che negli anni sia riuscito a truffare per decine e decine di migliaia di euro. L'ultimo episodio in ordine di tempo pare sia andato in scena proprio nel Bresciano: un “colpo” da 12mila euro (in contanti) in una concessionaria di Orzinuovi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Faccio una telefonata, arrivo subito". Poi scappa con 12.000 euro in contanti

BresciaToday è in caricamento