menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'automedica intervenuta nella casa di Eugenio

L'automedica intervenuta nella casa di Eugenio

La disperazione degli amici di Eugenio. Chiesto aiuto agli psicologi

Amici e compagni di scuola di Eugenio ancora non riescono a capacitarsi per quanto accaduto. Intanto, all'Istituto superiore Cossali di Orzinuovi è stata contatta l'associazione "L'amico Charly", che si occupa della gestione di situazioni a rischio in casi di suicidio, con l'ausilio di un'équipe di psicologi

Dolore e incredulità regnano tra i banchi di scuola dell’Istituto superiore Cossali di Orzinuovi. Eugenio, il loro coetaneo 13enne, il loro compagno di classe, si è tolto la vita con un colpo di fucile alla testa.

- I funerali a Orzinuovi: «Riposa in pace fragile Eugenio»

Come parlare di una simile tragedia a dei ragazzi così piccoli? Quale il senso di quanto accaduto, sempre che un senso esista?

Come consigliato dal dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale, Maria Rosa Raimondi, per aiutare gli insegnati in questo delicato e difficile momento è stata contatta l'associazione "L'amico Charly", che - attraverso l’ausilio di un’équipe di psicologi ed esperti - si occupa della gestione di situazioni a rischio dovute a casi di suicidio o tentato suicidio tra i più giovani.

"Spiegare credo sia impossibile. Si tratta solo di mettersi davanti a questo fatto con tutta l'umanità di cui siamo capaci", spiega Maria Rosa Raimondi. "Non possiamo chiuderci solo nel dispiacere, perché abbiamo davanti dei ragazzi che vanno aiutati a rielaborare il lutto e a superare il sentimento di fragilità causato da un simile gesto".

Il giorno della tragedia, davanti alla casa di Eugenio erano arrivati decine di amici e compagni di classe, dopo che su Facebook erano incominciate a trapelare le prime voci di quanto accaduto: "Non c'è ragione per tutto questo", è scoppiato in lacrime uno di loro.

Sì, cercare un motivo razionale sembra davvero impossibile, a 13 anni la vita dovrebbe essere intessuta d'entusiasmo e promesse radiose.


Che ai giovani compagni, allora, sia d'esempio il dolore dei genitori, che nonostante l'immane tragedia, continueranno ad amare il piccolo Eugenio, perchè l'amore supera qualsiasi esperienza che la vita ci offre, anche la morte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento