Anziana bruciata viva sul balcone: la nuora accusata di omicidio

Nuovi sviluppi nel corso delle indagini sul presunto suicidio della 71enne albanese trovata morta carbonizzata sul suo balcone, a Orzinuovi. La nuora di 31 anni sarebbe ora accusata di omicidio

In prima battuta, l’autopsia sembrava aver confermato il suicidio. Lo scorso novembre, quando la 71enne albanese Nurije Prezja morì bruciata sul balcone: dalle prime ricostruzioni pareva che la donna, dopo aver litigato con la nuora, si fosse data volontariamente alla fiamme.

Sul banco degli imputati la nuora di 31 anni, madre di due bambini, accusata di istigazione al suicidio e per questo indagata dalla Procura di Brescia. Nelle ultime ore nuovi sviluppi però rischiano di cambiare, e di molto, le carte in tavole.

Intercettazioni telefoniche, che darebbero spazio ad una ricostruzione più approfondita del quadro della vicenda. Il litigio, l’ennesimo, le minacce dell’anziana di darsi fuoco, la giovane che la spingerebbe fuori, sul balcone. Il resto è noto, e potrebbe trattarsi di un omicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento