"Troppi ragazzi ubriachi in oratorio", su Facebook la predica del parroco

L'affondo tutt'altro che silenzioso di don Lorenzo Ghidoni, il parroco di Orzinuovi e dell'oratorio Jolly: sulla sua pagina Facebook se la prende con i tantissimi ragazzi che ogni sabato sera si ubriacano in paese

Don Luciano Ghidoni

Orzinuovi la città del peccato e dell’ebbrezza. Non usa queste parole ma poco ci manca il parroco don Lorenzo Ghidoni, ‘titolare’ della parrocchia a cui fa capo anche l’oratorio Jolly, e dove ogni sabato sera succede davvero di tutto. Il suo è uno sfogo (quasi) disperato, rilanciato dalla sua più che cliccata pagina Facebook, raccontato poi anche su BresciaOggi.

Dito puntato insomma sui giovani di oggi, ragazzi di età compresa tra i 14 e i 16 anni, qualcosina di più o qualcosina di meno. Quelli che, come racconta ancora don Lorenzo, tutti i sabati sera anche prima di mezzanotte sono già in preda ai conati di un vomito sempre più alcolico, e spesso finiscono per vomitare nei bagni del bar dell’oratorio.

La colpa, scrive ancora il parroco di Orzinuovi, non è soltanto di quei ‘furbi bottegai’ che pur di guadagnarci sono disposti a vendere i superalcolici a ragazzi ancora giovanissimi. La colpa è di quella solitudine in cui i ragazzi versano al giorno d’oggi, e in cui le responsabilità sono anche dei genitori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Noi siamo sempre aperti – scrive don Lorenzo parlando dell’oratorio – mentre i genitori sono chiusi. Chiusi in casa davanti alla tv, chiusi nei ristoranti a sorseggiare un buon vino, chiusi gli occhi, speranzosi in una non telefonata notturna”. La telefonata del figlio un po’ su di giri, o peggio di qualcuno che chiama per lui. Intanto l’omelia di don Luciano rimane, nero su bianco sulle pagine del social network. Chissà, magari nell’epoca del 2.0, delle crisi delle vocazioni e del cattolicesimo, magari la chiesa la si fa anche così.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento